Paella con pollo e frutti di mare

Finalmente ho imparato a fare la paella 😄 è un piatto che amiamo, favoloso e non mi ero mai cimentata en la sua preparazione e cosí domenica ho deciso di provare. Questo piatto è nato con lo scopo di riciclare avanzi in cucina e il suo nome è per la pentola che viene utilizzata per cucinarlo, ma immagino che questo tutti voi lo sappiate già. La paella valenziana tradizionale viene preparata con pollo e coniglio, non è molto facile trovare il coniglio qui dove vivo io, cosí ho deciso di provare la paella mista con pollo, choricillos e frutti di mare, (che é la piu comune qui in Cile) non potete immaginare quante versioni differenti ci sono e quante ricette potete trovare in Internet.
Ciò che mi preoccupava di più, ed è per questo che non avevo mai provato, era la cottura e che mi risultasse secca e/o appiccicosa, beh … anche se sembra un po ‘difficile, vi assicuro che in fondo non è stato affatto complicato. A volte ci si preoccupa piú del dovuto e poi si scopre sempre che non era affatto necessario…. che strana la mente umana 🙂
Dopo aver letto un pó di informazioni e guidata da un libro fantastico che ho comprato molti anni fa con ricette di tutto il mondo, ho imparato alcuni trucchi che vi saranno sicuramente molto utili.
Innanzitutto il riso: è importante che sia di buona qualità, quello usato per la paella valenciana è il riso bomba, è un riso a grano corto, anche un carnaroli andrà bene. Adesso é facile trovare nei supermercati quelli specifici per paella.
Secondo il liquido: la paella tradizionale viene preparata con l’acqua, io ho preferito un brodo che ho preparato con i gamberi, vi assicuro che il profumo é incredibile. In alcuni casi viene usato il brodo di pollo. Insomma dipende un pó anche dal proprio gusto, in cucina non si sbaglia mai, al massimo si corre il rischio di inventare una nuova ricetta 😉 La quantità di liquido in generale è di due misure e mezzo di acqua per una di riso, alla fine della cottura deve risultare senza liquido, ma non secco e ne appiccicoso.
La fiamma per cucinarlo deve essere vivace per i primi 10 minuti, poi si abbassa leggermente e si lascia cuocere a fiamma media per altri 18-20 minuti circa.
Sapevate che non si gira mai durante la cottura? Non è come un risotto, quindi è molto importante distribuire uniformemente i vari ingredienti e il riso, i veri esperti hanno uno stile…. la tradizione vuole che sia versato a croce, qualcuno lo versa formando un circolo
Prima di servirlo, lasciatelo riposare per circa 10 minuti senza coperchio o altro.

Ingredienti per 4 persone:
400 g di riso bomba o carnaroli
Olio d’oliva circa 6 cucchiai
mezza cipolla tritata
1 spicchio d’aglio, tritato
1 peperone verde a dadini
1 pomodoro a dadini (opzionale)
8-10 coscette di ali di pollo
10-12 cocktail di choricillos
300 g di gamberi senza guscio
500 g di frutti di mare misti (a piacere) puliti e lavati
Anelli di calamari
1 tazza di piselli
Zafferano (se preferite potete usare le bustine specifiche per la paella con i frutti di mare, che contengono un mix di zafferano e spezie)
Sale, pepe, prezzemolo qb
1,2 l di acqua o brodo (la quantitá può variare leggermente a seconda del riso che si usa)

Nella paella soffriggete l’aglio e i frutti di mare, con un po ‘d’olio, aggiungete il prezzemolo e metteteli da parte. Nello stesso olio soffrigete la cipolla con il peperone e il pomodoro. Aggiungete le ali e lasciate cuocere fino a quando non avranno un colore dorato, mettete da parte anche queste. Soffrigete i gamberi e gli anelli di calamari, mescolando costantemente.
Unite tutti gli ingredienti preparati, mescolate e aggiungete il brodo, diluire lo zafferano nel brodo e quando comincia a bollire aggiungete il riso, salate e pepate a gusto.
Cucinate i primi 10 minuti a fuoco alto, in modo che non perda l’ebollizione, quindi abbassate la fiamma e lasciate cuocere per 15-18 minuti circa. assaggiate il riso per verificarne la cottura, deve essere al dente.
Lasciate riposare per circa 10 minuti, senza tapparlo, prima di servirlo.

Spero di non aver dimenticato nulla 🙂 adesso non vi resta che mangiarlo !!!!

8 pensieri su “Paella con pollo e frutti di mare

  1. Ciao! Mi intriga questa ricetta!
    In passato ho mangiato la paella in Spagna, a Barcellona, e mi ricordo di questo piatto saporitissimo e speciale. Mi ricordo che era con pollo e frutti di mare, molto simile a questo che proponi. Qui però c’è un ingrediente di cui non parli: il choricillos! Ho cercato sul web, mi sembrano delle salsiccette… Mi puoi dire qualcosa in più? Meno male che dai indicazione sul tipo di riso da usare! Altrimenti avrei pensato a un riso per insalate… 😅
    Bene! Aspetto gentili indicazioni perché ho proprio voglia di provarlo… Non nella solita versione spagnola… Ma cilena! 😋

    1. mi spiace risponderti cosí in ritardo spero tu abbia ancora voglia di provarla 😀 I choricillos sono effettivamente delle salsiccette, il sapore é un pó a metá tra un wurstel e una salsiccia, con un aroma particolare, qui vengono usati in molte preparazioni con carne e pesce. In Spagna usano il chorizo che é simile alle nostre salsicce ma molto speziato. Magari potresti provare con la luganega.
      un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...