BUONA PASQUA con sapore

Se entrate nella cucina di mia suocera in questi giorni potete sentire il profumo dei dolci appena sfornati e vedere tavole imbandite.
Per tradizione, ogni anno, prepara le PASTIERE, (per la ricetta cliccate qui)i tortani (non ho ancora avuto modo di postare la ricetta, lo faro’ tra qualche giorno) e tutti quei dolcetti tipici della loro tradizione culinaria. Solitamente comincia il giovedì Santo, a volte prima perche’ molti di questi dolci vengono preparati per essere regalati ad amici e parenti e perche’ la pastiera e’ un dolce che va preparato in anticipo in modo che i sapori dei vari ingredienti risultino perfettamente amalgamati nel momento in cui la si porta in tavola per mangiarla.
Questo e’ il risultato del suo lavoro, impossibile non condividerlo. Una vera gioia per gli occhi e per il palato. La cucina e’ davvero un piccolo mondo dove la cultura e le tradizioni si fondono con i sentimenti, i profumi, i sapori unici e inconfondibili della nostra terra.

Quando ci si mette ai fornelli con passione significa trasmettere questo amore, lo vedo in mia suocera che, instancabile e con pazienza, prepara sempre queste meraviglie nei giorni di festa, lo vedo in mia madre che nonostante l’eta’ e i suoi problemi di salute continua a preparare piatti deliziosi per tutta la famiglia, ci sono aromi, profumi e ricordi che nessuno chef sara’ mai in grado di ripetere ma che fanno parte della nostra vita e restano indelebili nella nostra memoria, e ci accompagneranno sempre a prescindere dal paese in cui ci troviamo.

AUGURI DI UNA PASQUA SERENA E CON GUSTO😉

IMG-20150403-WA0006pBA_5NB3fXFCyNVtdO9RsfOWKz5V81T6DmBuhUjO1iMIMG-20150403-WA0007IMG-20150403-WA0022

HAPPY EASTER

If you enter my mother in law kitchen this week you would certainly smell just baked delicious cakes.
It is a tradition for her to prepare every year pastiere (recipe here), tortani, and a lot of other sweet things. She usually starts on Holy Thursday or earlier because a lot of the cakes are for family and friends. It also true that the pastiera has to be prepared in advance to get the flavors well amalgamated before to serve it.
This is the result of her work, I could not resist to share it.
The kitchen is a small world where culture melts with the feelings and unique flavors of our tradition.
When you cook with passion you transmit love, I see that in my mother in law who patiently prepares all these sweets during the holidays. I see this love also when my mom in spite her health issues still continue to prepare food for the whole family.
There are aromas, scents and memories that no chef will never able to create. Those are part of our lives and remain indelible in our memory and will always accompany us regardless of which part of the globe you are.

FELIZ DIA DE PASCUAS

Si entran en la cocina de mi suegra en estos días se pueden oler el aroma de pasteles recién horneados y ver mesas llenas de cosas ricas.
Por tradición, cada año, prepara le “PASTIERE”, (hagan clic aquí para ver la receta) roscas (todavía no he tenido la oportunidad de publicar la receta, lo haré en unos pocos días) y todos esos dulces típicos de sus tradición culinaria. Por lo general, comienza el Jueves Santo, a veces antes porque muchos de estos queques y galletas son preparados para ser regalado a amigos y familiares y por qué la pastiera es un pastel que se prepara con antelación para que los sabores de los diversos ingredientes sean perfectamente amalgamados cuando se lleva a la mesa para comerlo.
Esto es el resultado de su trabajo, imposible no compartirlo. Una fiesta para los ojos y el paladar. La cocina es realmente un pequeño mundo donde la cultura y tradiciones se mezclan con los sentimientos, olores, sabores únicos e inconfundibles de nuestra tierra. Cuando se cocina con pasión significa transmitir este amor, yo lo veo en mi suegra que, sin descanso y con paciencia, siempre prepara estas maravillas en los días de fiesta, lo veo en mi madre que a pesar de la edad y sus problemas de salud sigue preparando deliciosas comidas para toda la familia. Hay aromas, sabores y recuerdos que uno chef nunca será’ capaz de repetir, pero que forman parte de nuestra vida y permanecen indeleble en nuestra memoria, y nos acompañaran siempre independientemente del país en lo que nos encontramos.
Mis mejores deseos de una Santa Pascua

23 thoughts on “BUONA PASQUA con sapore

  1. Da non credere! Sembra l’esposizione di un negozio, straordinaria. Anche la mia casa ormai ha sempre un aroma di fondo che riporta alle tradizioni della famiglia, al calore al l’affetto, ai ricordi e quando i figli tornano è quello che avvertono per primo e ne sono rassicurati e felici.

    1. Ogni anno, i giorni prima di Natale e di Pasqua il soggiorno di mia suocera sembra davvero l’esposizione di un negozio. La cosa che mi stupisce e’ la gran quantita’ di cose che prepara e la passione con cui lo fa. Con “santa” pazienza (e’ proprio il caso di dirlo) trascorre giornate intere in cucina e la cosa bella e’ la sua gioia e soddisfazione quando arriva a lavoro finito. Come tu dici tutto questo riporta alle tradizioni familiari, all’affetto, ai ricordi che rassicurano e rendono felici. A volte mi chiedo…. noi saremo capaci di fare lo stesso? I nostri figli vivranno queste stesse sensazioni? Mi auguro proprio di si
      Buon fine settimana!

    1. Grazie anche se un pochino in ritardo. Vero, non si stanca mai, puo’ sfornarne una quantita’ industriale ed e’ sempre contenta di farlo. Quando le dico che potrebbe farne meno comincia con l’elenco degli amici che aspettano la sua pastiera per il giorno di Pasqua, devo dire che le sue sono veramente deliziose🙂

  2. io pagherei oro per avere una suocera così! Che meraviglia, ma che meraviglia davvero!!! vado a leggere subito la sua ricetta per la pasteira e aspetto con trepidante curiositù e ghiottoneria le altre🙂
    Buona Pasqua, serena e di gioia!
    un abbraccio e un sorriso.

    1. Ciao Elena, finalmente riesco a rispondere. Una vera delizia hai ragione. Prepara cose buonissime in cucina, fra qualche giorno pubblico la ricetta del ciambellone o “tortano” come lo chiamano loro.
      Un abbraccio e buon fine settimana

  3. Ma sono veramente stupende queste foto, come mi piacerebbe avere una madre così! A casa mia l’unica che ha la passione della cucina sono io: mia madre non ama molto stare ai fornelli, lei era più portata per la macchina da cucire (Ha sempre lavorato in casa come sarta), e quindi, quando io sono in cucina al posto suoi mi sbizzarrisco come voglio, cercando di preparare piatti diversi dai soliti. Lei a volte si lamenta in quanto, per preparare una prelibatezza, metto un pochino di disordine (Ma giusto perché, se è la prima volta che la preparo, devo capire cosa devo mettere, i vari dosaggi, ed il tempo di cottura), ma poi quando vede che pulisco tutto e rimetto in ordine è contenta, e sia lei che mio padre sono doppiamente soddisfati quando assaggiano qualcosa di nuovo ma buono. Oggi, ad esempio, ho fatto il coniglio al latte, ed in più ieri ho preparato il sugo per la pasta e dei vol au vent come antipasto (Ma non è finita qui: ho anche preparato delle palline di formaggio Philadelpia e bresaola). Bene, nonostante la fatica (Mi sono seduta or ora al computer), i miei genitori hanno apprezzato moltissimo, ed è questo che mi da veramente gioia. Un abbraccio forte. Roberta

    1. Ciao Roberta, che bello leggere le tue parole. Io sono stata fortunata in famiglia abbiamo tutte la passione per la cucina, credo ereditata da mia madre che ancora prepara piatti squisiti e ci sono cose che cucina lei nei giorni di festa anche quando siamo in 30 a tavola, figurati. Pero’ ci ha sempre lasciato pasticciare, vero a volte si fa un po’ di disordine ma con un po’ di pazienza si mette a posto anche quello, solitamente io sistemo e lavo quello che uso mentre preparo cosi’ alla fine e’ piu’ facile e piu’ veloce riordinare, solo quando vado di fretta sporco di tutto e il lavapiatti si riempie in maniera esagerata😀
      Il coniglio mi piace molto, al latte non l’ho mai mangiato, lo adoro in bianco o alla cacciatora quindi quando lo preparo di solito lo faccio cosi’. Le tue palline di formaggio e bresaola mi ispirano, peccato che qui la bresaola non la vendono, non hanno tutti i salumi e prosciutti deliziosi che abbiamo noi.
      Un abbraccio cara e buon fine settimana!

  4. non la conosco ma già adoro tua suocera! anche io ho la tradizione della pastiera pasquale a casa e non potrei mai farne a meno..però non ne ho mai fatte così tante.. è una forza della natura! Complimenti a tutte le suocere, le mamme e le nonne che fanno di tutto per rendere le ricorrenze vere e proprie feste di famiglia!

    1. Mi associo ai tuoi complimenti, sono davvero straordinarie ed e’ bello che questi incontri familiari passino anche attraverso il cibo. Non e’ solo mangiare, é godersi quei momenti dalla preparazione fino al condividerla con le persone che amiamo, e’ positivo e gratificante.

  5. Ti ringrazio per questo post. Anche mia madre è di origini campane e quando arriva la pasqua prepara la pastiera, che è una cosa indescrivibile a chi non l’ha mai assaggiata, perché pochi dolci (a mio parere) ti fanno venir voglia di continuare a mangiarli come la pastiera. Negli ultimi anni, però, mia madre si limita a farne un paio, perché lei e mio padre ne mangiano poca, i miei suoceri non sono dei patiti ed in sostanza la mangio solo io. Ti ringrazio perché con queste foto mi hai fatto tornare in mente quando la pasqua la festeggiavamo dai miei nonni materni, perché allora mia nonna sfornava una quantità industriale di pastiere perché a tavola eravamo in tanti, poi passavano i parenti a salutare e ne ricevevano una come regalo. Bei ricordi🙂
    Grazie!!!

  6. Grazie a te per questo commento. Chi e’ che non ricorda qualcosa dell’infanzia guardando foto come queste o sentendo profumi di cibo. Il cibo crea dei vincoli e lascia ricordi che difficilmente si dimenticano e che tornano alla mente ogni volta che si sente quell’odore o si assaggia quello stesso piatto. Poi i pranzi dei giorni di festa, specialmente al sud, sono indimenticabili e non e’ per la gran quantita’ di cibo che tutti credono si prepari, ma per quello che rappresentano: lo stare insieme, la condivisione, l’allegria, i preparativi in un ambiente felice e affettuoso. Adesso che vivo lontano a volte preparo quei piatti e condividiamo le foto dei preparativi con familiari ed amici ed e’ un po’ come accorciare le distanze.
    Un saluto e buona giornata!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s